CULTURE TV e Film

Monica Bellucci: bio della famosa attrice italiana

monica bellucci

Monica Bellucci: bio della famosa attrice e supermodella, nel post a cura di Fashionaut!

Bentrovati su Fashionaut, il sito dedicato a moda e alle ultime tendenze capelli, make-up e mondo dell’abbigliamento, con tanti consigli utili per lui e per lei. Per il post di oggi, torniamo a parlarvi di modelle famose e attrici, e lo facciamo con una supermodella e attrice italiana, diventata negli anni un’icona della bellezza mediterranea a una sex symbol: Monica Bellucci

In questo post vedremo insieme i principali step professionali della vita di Monica Bellucci e alcune curiosità legate alla celebre attrice italiana: benvenuti su Fashionaut!

Monica Bellucci: gli inizi

Monica Bellucci nasce a Città di Castello il 30 settembre 1964. La sua famiglia è di umili origini: il padre Pasquale è impiegato in un’azienda di trasporti mentre la madre Brunella Briganti è casalinga. 

Monica cresce in una frazione di San Giustino e prende il diploma classico a Città di Castello. Inizia a fare la modella per pagarsi gli studi di Giurisprudenza all’Università di Perugia, ma lì capisce che la moda è nel suo destino. Così, si trasferisce a Milano, la capitale della moda, dove studia moda ma anche recitazione. 

Altri numerosi successi di Monica Bellucci

Inizia a lavorare per l’agenzia che ha già Linda Evangelista tra le sue modelle. Arriva a sfilare a Parigi e New York. Partecipa al Calendario Pirelli, a Max e a GQ.

È il trampolino di lancio per Monica Bellucci, che inizia a lavorare con le maison più importanti: Dolce & Gabbana, Fendi, Cartier, ma anche riviste come Vogue ed Elle.

Nel 2003 è la prima donna italiana cui viene affidato il ruolo di madrina del Festival di Cannes.

Nel 2008, collabora con Dior. A seguire, Martini e ancora D&G fino a Nivea.

Monica Bellucci al cinema

Nel 1990 arriva l’esordio di Monica come attrice, con la miniserie Vita coi figli. Nel 1992 arriva il film internazionale e l’esordio con Dracula di Bram Stoker (era una delle concubine di Dracula). Nel 1996 arriva l’esordio anche nel cinema francese.

L’Oscar arriva con Under Suspicion al 53esimo Festival di Cannes. Nel 2000, conquista il mondo con Malèna di Tornatore. Diventerà la madrina della 56esima edizione a Cannes. Gli anni 2000 sono ricchissimi di film per l’attrice: Matrix Reloaded e Revolutions, Malèna, Asterix e Obelix – Missione Cleopatra, Ricordati di Me, La Passione di Cristo, I Fratelli Grimm e l’Incredibile Strega, N (Io e Napoleone), Sanguepazzo, Baarìa.

Nel 2017 entra nell’Accademia di Arte e Scienze di immagini in movimento come membro dell’Italia. Oggi, è tra i responsabili del Premio Oscar.

In Francia è stata eletta la donna più bella del mondo ed è entrata anche nella lista delle 50 donne più sexy al mondo. C’è anche una canzone hip-hop a suo nome da parte del cantante tedesco RIN.

Ha vinto tantissimi premi, tra cui:

  • Women’s World Actress Award;
  • Premio Vittorio De Sica;
  • Super Ciak d’oro e Ciak d’oro;
  • Dublin International Film Festival (DIFF);
  • Eastern Star Award al 28° Trieste Film Festival;
  • Filming On Italy Best Career Award;
  • IIC Los Angeles Creativity Award, riconoscimento all’eccellenza italiana nel mondo dall’Istituto italiano di cultura di Los Angeles;
  • Premio Magritte onorario;

Film Monica Bellucci

Ecco la filmografia di Monica Bellucci, in ordine temporale:

  • La riffa, regia di Francesco Laudadio (1991)
  • Ostinato destino, regia di Gianfranco Albano (1992)
  • Dracula di Bram Stoker (Bram Stoker’s Dracula), regia di Francis Ford Coppola (1992)
  • Briganti – Amore e libertà, regia di Marco Modugno (1993)
  • I mitici – Colpo gobbo a Milano, regia di Carlo Vanzina (1994)
  • Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
  • Il cielo è sempre più blu, regia di Antonio Luigi Grimaldi (1995)
  • L’appartamento (L’appartement), regia di Gilles Mimouni (1996)
  • Dobermann, regia di Jan Kounen (1997)
  • Stressati, regia di Mauro Cappelloni (1997)
  • Mauvais genre, regia di Laurent Bénégui (1997)
  • Come mi vuoi, regia di Carmine Amoroso (1997)
  • Compromis, regia di Sébastien Sort – cortometraggio (1998)
  • Il piacere e i suoi piccoli inconvenienti (Le plaisir et ses petits tracas), regia di Nicolas Boukhrief (1998)
  • L’ultimo capodanno, regia di Marco Risi (1998)
  • A los que aman, regia di Isabel Coixet (1998)
  • Unruly – Nessuna regola, regia di Philippe Bérenger (1999)
  • Come un pesce fuor d’acqua (Comme un poisson hors de l’eau), regia di Hervé Hadmar (1999)
  • Under Suspicion, regia di Stephen Hopkins (2000)
  • Striptease – Attrazione mortale (Striptease), regia di Richard Bean (2000)
  • Malèna, regia di Giuseppe Tornatore (2000)
  • Dear Father, regia di Oliver Megaton – cortometraggio (2001)
  • Il patto dei lupi (Le pacte des loups), regia di Christophe Gans (2001)
  • Asterix e Obelix – Missione Cleopatra (Astérix et Obélix: Mission Cléopâtre), regia di Alain Chabat (2002)
  • Irréversible (Irréversible), regia di Gaspar Noé (2002)
  • Ricordati di me, regia di Gabriele Muccino (2003)
  • L’ultima alba (Tears of the Sun), regia di Antoine Fuqua (2003)
  • Matrix Reloaded (The Matrix Reloaded), regia di Larry e Andy Wachowski (2003)
  • Matrix Revolutions (The Matrix Revolutions), regia di Larry e Andy Wachowski (2003)
  • La passione di Cristo (The Passion of the Christ), regia di Mel Gibson (2004)
  • Agents secrets, regia di Frédéric Schoendoerffer (2004)
  • Lei mi odia (She Hate Me), regia di Spike Lee (2004)
  • I fratelli Grimm e l’incantevole strega (The Brothers Grimm), regia di Terry Gilliam (2005)
  • Per sesso o per amore? (Combien tu m’aimes?), regia di Bertrand Blier (2005)
  • Sheitan, regia di Kim Chapiron (2006)
  • N (Io e Napoleone), regia di Paolo Virzì (2006)
  • L’eletto (Le concile de pierre), regia di Guillaume Nicloux (2006)
  • Manuale d’amore 2 – Capitoli successivi, regia di Giovanni Veronesi (2007)
  • Shoot ‘Em Up – Spara o muori! (Shoot ‘Em Up), regia di Michael Davis (2007)
  • Le deuxième souffle, regia di Alain Corneau (2007)
  • Sanguepazzo, regia di Marco Tullio Giordana (2008)
  • L’uomo che ama, regia di Maria Sole Tognazzi (2008)
  • La vita segreta della signora Lee (The Private Lives of Pippa Lee), regia di Rebecca Miller (2009)
  • Non ti voltare (Ne te retourne pas), regia di Marina de Van (2009)
  • Baarìa, regia di Giuseppe Tornatore – cameo (2009)
  • Omaggio a Roma, regia di Franco Zeffirelli – cortometraggio (2009)
  • L’apprendista stregone (The Sorcerer’s Apprentice), regia di Jon Turteltaub (2010)
  • The Whistleblower, regia di Larysa Kondracki (2011)
  • Manuale d’amore 3, regia di Giovanni Veronesi (2011)
  • Un Été Brûlant, regia di Philippe Garrel (2011)
  • Le stagioni del rinoceronte (Rhino Season), regia di Bahman Ghobadi (2012)
  • Benvenuti a Saint Tropez (Des Gens Qui S’embrassent), regia di Danièle Thompson (2013)
  • Le meraviglie, regia di Alice Rohrwacher (2014)
  • Na Quebrada, regia di Fernando Grostein Andrade (2014)
  • Ville-Marie, regia di Guy Édoin (2015)
  • Spectre, regia di Sam Mendes (2015)
  • On the Milky Road – Sulla Via Lattea (On the Milky Road), regia di Emir Kusturica (2016)
  • Nekromancer, regia di Kiah Roache-Turner (2018)
  • Spider in the web, regia di Eran Riklis (2019)
  • I migliori anni della nostra vita (Les plus belles années d’une vie), regia di Claude Lelouch (2019)
  • The Man Who Sold His Skin, regia di Kaouther Ben Hania (2020)
  • The Girl in the Fountain, regia di Antongiulio Panizzi (2021)

Monica Bellucci, i flirt e gli amori

Monica sposa per qualche tempo il fotografo Claudio Carlos Basso. Ma dopo solo qualche mese di matrimonio, i due si separano e l’attrice ha una relazione di 6 anni con l’attore Nicola Farron. Poi, si innamora dell’attore francese, Vincent Cassel. La Bellucci lo sposa il 2 agosto 1999 a Montecarlo. La coppia ha insieme due figlie. Nel 2013, i due divorziano consensualmente.

Il nostro post dedicato alla famosa attrice italiana Monica Bellucci, termina qui. Alla prossima da Fashionaut! 

Please follow and like us:

Lascia un commento