Eventi & Concorsi

Milano Fashion Week: tutti i trend della kermesse milanese

milano fashion week 2021

La Milano Fashion Week vince la sfida con il digitale

La Milano Fashion Week 2021, la prima in versione digitale, si è appena conclusa. Una settimana in cui i grandi nomi della moda hanno presentato le collezioni per la prossima stagione invernale 2021 – 2022.

L’appuntamento con la moda milanese si è aperto con un omaggio al grande Beppe Modenese, il fondatore della manifestazione, scomparso purtroppo alla fine del 2020.

La conclusione della kermesse dedicata alla moda milanese è stata invece affidata a Valentino, in diretta streaming dal palco del Piccolo di Milano. Una collezione basata su contrasti di tagli geometrici, tutta in bianco e nero, una simbologia di luci e ombre della vita. Un tributo al capoluogo lombardo e al settore della moda, che sta ripartendo, nonostante tutte le difficoltà del caso.

Vediamo nelle righe che seguono quali sono state le sfilate e le collezioni più interessanti collegate all’evento moda milanese, che si è tenuto quest’anno in versione digital. Buona lettura da Fashionaut!

mfw2021

Gli stilisti con un occhio a passato

Qualcuno ha voluto portare nella Milano Fashion Week 2021, il sapore di un passato più o meno lontano: Emporio Armani crea infatti una sua versione degli Anni ’80, con lampi di colore, mentre Moschino ha presentato un defilé ricco di ironia e dal gusto rétro.

Se Vivetta ripropone capi dal tocco anni Sessanta, Nicola Brognano per Blumarine si ributta negli anni 2000 con modelli in abiti super sexy alla Paris Hilton. Sportmax ripropone lo stile Anni ’90, anche se con un accento contemporaneo; mentre invece Etro s’ispira a grandi figure della musica, come gli artisti Jimi Hendrix o Rudolf Nureyev, con capi militari con stampe etniche e giacche patchwork. Anche Dolce & Gabbana si rifà alle icone di stile Anni ’90, omaggiando la cultura rave

Da una moda che guarda al passato a maison che puntano al futuro nel prossimo paragrafo!

La moda che guarda al futuro

La collezione Prada porta sulle passerelle milanesi un gioco di accostamenti di colore, forme e materiali;  le pellicce hanno macro paillette, i cappotti prendono la forma di un uovo.

Salvatore Ferragamo veste la donna del domani con tute di pelle di diversi colori, mentre Kim Jones per Fendi, al suo debutto, ha omaggiato appunto le sorelle Fendi e Roma, con pellicce elaborate e materiali lussuosi.

La Milano Fashion week scopre il formato video

Una delle sfide delle maison è stata quella di puntare sul formato video. Una sfida vinta grazie a scenari sorprendenti e ingegnosi, che hanno permesso un nuovo modello di comunicazione improntato al digitale, che non per forza deve essere visto con un’aurea negativa. Infatti, l’evento tenuto in questo modo, può rivelarsi anche interessante e bello da vedere, anche se non dal vivo.

Tra le performance video più notevoli troviamo quella di Marni, che mette in risalto il desiderio di ritrovarsi con la natura e l’ambiente. Un contatto da ricercare grazie ad abiti scenografici e recycled, allo stesso tempo.

Marco Rambaldi ha presentato la sua collezione nel video Manifesto paradisiaco: top all’uncinetto e maglie con colori accesi, che insieme a giubbotti in stile patchwork costituiscono la nuova proposta per i giovani e le diverse sfaccettature della loro identità.

Molto intenso il corto di presentato da Antonio Marras, che ritrova le sue origini sarde con una collezione rappresentata da vestiti ispirati ai costumi tradizionali regionali. Infine, Act n°1 sperimenta una sartoria ricca di simbolismi, tra sacro e profano.

Ispirarsi ai classici

Continuando la nostra recensione sugli eventi più interessanti della MFW2021, non potevamo non citare Max Mara, che porta alla Milano Fashion Week 2021 abiti in total beige: dai cappotti alle gonne con proporzioni ampie. Missoni presenta invece maglie dallo stile sportivo e abiti venati di lurex. 

La sensualità è il punto di forza di N°21; Alessandro Dell’Acqua sfrutta il contrasto tra lingerie e maglie oversize, abbinando l’eleganza del nero; colore che Alberta Ferretti riprende, alternato all’oro. 

Tod’s presenta cappotti annodati sul davanti, mentre Giorgio Armani preferisce vestiti fluidi e romantici. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max Mara (@maxmara)

Il nostro post dedicato alla Milano Fashion Week 2021, termina qui. Alla prossima con gli approfondimenti sulle fashion week più famose, a cura di Fashionaut!

Please follow and like us:

Lascia un commento