Eventi & Concorsi

Milano Fashion Week: tutti i trend della kermesse milanese

milano fashion week 2022

Milano Fashion Week: tutti i trend emersi dall’evento meneghino a cura di Fashionaut

Si è svolta dal 20 al 26 settembre 2022 la Settimana della Moda di Milano, per presentare il punto di vista della moda italiana sulla stagione primaverile-estiva del prossimo anno. Se la fashion week londinese cadeva nel pieno del lutto per la morte della regina, quella milanese ha cavalcato la campagna elettorale del parlamento italiano, ma lo ha fatto con grazia e quasi senza darlo a vedere. Di fatto il clamore delle elezioni si è stemperato sulle passerelle ricche di nomi importanti – quello che forse è mancato alle altre fashion week – che hanno confermato l’unica verità: in Italia governa soltanto la moda!

Vediamo in questo post a cura di Fashionaut quali sono stati i trend emersi dalla kermesse dedicata alle ultime tendenze moda provenienti da Milano. Bentornati sul nostro portale!

Le tendenze di Milano Fashion Week 2022

Milano è più “fluida” che mai e batte, per originalità, le altre sfilate finora tenutesi nel mondo. Lo fa puntando sulla morbidezza e sulla luminosità, che si esaltano grazie alla lunghezza. Sono infatt lunghe le gonne, gli abiti da sera, gli spolverini, le giacche “fluide”, certi pantaloni che cadono morbidamente intorno alle gambe.

Giorgio Armani celebra le lunghezze completandole con colori luminosi che richiamano le stelle: oro, viola, blu, giallo.

Restando in tema di luce, le perle e le paillettes anche a Milano – come già a Londra – dettano la tendenza della prossima primavera/estate. Cadono le regole ferree che legavano questi dettagli all’abito da sera e si possono ritrovare anche di giorno. Anche a Milano si sono viste le trasparenze, i drappeggi (Ferragamo) e i veli del “vedo non vedo”.

Gli eventi più importanti della MFW

A Milano hanno sfilato le creazioni di Gucci, di Prada, di Dolce&Gabbana e di Armani.  Sono stati ammirati gli abiti di Bottega Veneta, Alberta Ferretti, Fendi, Moschino e Ferragamo

Armani ha puntato tutto sulla luce, sui colori chiari e brillanti e su sentori d’oriente. Dolce&Gabbana invece ha portato in passerella veli, trasparenze ed eleganze in nero, affidando alla bellezza e alla bravura di Kim Kardashian la riuscita del proprio show.

Bottega Veneta ha stupito tutti con i propri capi! I modelli presentati dalle modelle erano con frange colorate e in tinte brillanti.

Gucci manda in passerella abiti eleganti, colorati in modo vivace e “sdoppiati”, affidati a coppie di gemelli e gemelle che hanno reso la sfilata ancor più originale.

Originalità anche nella sfilata di Alberta Ferretti, con camicie, pantaloni e giacche molti larghi con colori e materiali provenienti da mezzo mondo. Gli abiti strappati e ricuciti di Prada sembrano dare suggerimenti per un risparmio di classe, nei mesi della crisi economica. Contrasto nero-colore invece per Versace, che gioca con le tinte del foulard di seta, simbolo della propria maison.

Le novità di Milano Fashion Week

I nomi nuovi della moda hanno trovato molto spazio, sulle passerelle milanesi. In modo particolare, i nuovi direttori artistici di alcune case famose hanno già imposto il proprio segno sul panorama della moda del futuro. È il caso, ad esempio, di Marco De Vincenzo per Etro, che rinnova senza scostarsi troppo dallo stile storico della maison ma è il caso anche di Andrea Incontri, che presenta la sua prima collezione per Benetton.  

Ha sfilato per la prima volta a Milano l’originalità di Bally, mentre il giovane filippino Villaseñor ha ridato una nuova energia alle sfilate della maison Ferragamo.

Tutto questo sarà il trend della stagione primavera/estate 2022-23. Per adesso è ciò che si è visto alle sfilate milanesi. Alla prossima con gli approfondimenti dedicati alla moda, a cura del nostro portale!

Please follow and like us:

The Fashionaut

Francesco

Ciao a tutti, mi chiamo Francesco e sono un blogger.
Nella mia carriera di scrittore per il web mi sono occupato di diversi progetti editoriali: dallo sport al marketing, fino alla cultura.

Lascia un commento