Accessori FASHION

Moda scarpe: gli stivali cuissardes

stivali alti

Stivali Cuissardes: dagli anni 60 tornano di moda

Gli stivali cuissardes tornano di moda dagli anni ’60, in tutte le forme colori e dimensioni, a seconda delle nostre preferenze. Possiamo scegliere quelli più aderenti in suede che possiamo trovare nei grandi store BERSHKA e ZARA che si sono diffusi a partire dall’anno scorso, più invernali invece sono quelli di pelle.

Il colore che preferisco personalmente è il nero, perché una calzatura di questo tipo di colore scuro sicuramente slancia la gamba e darà anche l’idea di gambe più lunghe e ho visto in vendita anche molti modelli sui toni del beige, che però forse sono meno versatili.

Questa tipologia di stivali di per sé allunga la figura, perciò non è necessario che abbiano un tacco alto, tra l’altro trovo siano molto più eleganti con un tacco basso piuttosto che un tacco a spillo che diciamo la verità con uno stivale del genere può apparire un po’ volgare .

Outfit con gli stivali cuissardes

Possiamo sbizzarrirci con i look da abbinare a queste scarpe, indossarli con abitini corti, jeans aderenti .

Un accostamento che mi piace particolarmente è accostare gli stivali cuissardes a maxi maglioni e indossare sotto un paio di leggings. Dal momento che è una scarpa abbastanza appariscente, è meglio abbinare un look sobrio, dai toni neutri, o comunque possiamo utilizzare anche toni più accesi con abiti dalla linea semplice.

Se poi non avete gli stivali cuissardes, potete ricrearne l’effetto utilizzando un paio di parigine con degli stivaletti bassi dello stesso colore.

Anche il negozio online ZALANDO, offre una vasta gamma di scelta di calzature e di stivali sopra al ginocchio.

Dalla vostra Caren è tutto: alla prossima!

stivali alti ragazza

Please follow and like us:

The Fashionaut

Francesco

Ciao a tutti, mi chiamo Francesco e sono un blogger.
Nella mia carriera di scrittore per il web mi sono occupato di diversi progetti editoriali: dallo sport al marketing, fino alla cultura.

Lascia un commento